L’impegno dell’Associazione

chiamata ad operare in un contesto particolare, per assolvere al suo compito di Soccorrere Ovunque Sempre, nel rispetto più scrupoloso e professionale delle direttive emesse dalle Autorità Sanitarie.

Invitiamo i cittadini a rispettare le seguenti indicazioni dell’Associazione in merito all’accesso ai servizi.

 Al notevole numero di servizi che quotidianamente i Volontari svolgono si sono aggiunti in queste ultime settimane gli interventi richiesti dalle Aziende Sanitarie e dalla Centrale Operativa “Emilia-Ovest”, connessi al problema del Coronavirus, la cui particolare gestione ha richiesto particolari procedure e metodiche operative a tutela della sicurezza dei soccorritori.

Come ricorda il presidente Alex Uccelli, “le misure precauzionali sono sempre state alte e già in tempi non sospetti in Associazione avevamo introdotto delle restrizioni, per cui se un milite aveva i sintomi di influenza o tosse e raffreddore non poteva prestare servizio.

Da quando c’ è l’emergenza coronavirus abbiamo comunicato ai volontari di non venire e sostare in sede fuori turno, se non strettamente necessario.
Abbiamo inoltre ridotto i flussi in ambulatorio, dove si può accedere solo su appuntamento telefonico, e abbiamo predisposto una serie di misure per sanificare i locali e tutelare i volontari. E’ stata creata anche una tensostruttura a fianco della sede, che ospita un ambulatorio ad hoc per la visita da parte dei medici dei casi “sospetti”.

L’Associazione ha inoltre contribuito con propri mezzi e personale al trasferimento dei degenti del padiglione “Barbieri” dell’Ospedale Maggiore verso altre strutture ospedaliere, mettendo inoltre a disposizione della Centrale Operativa, 24 ore su 24, un’ambulanza “dedicata” esclusivamente al trasporto di persone con sospetto Coronavirus.

Tale operazione è stata organizzata congiuntamente con l’Assistenza Pubblica di Langhirano per garantire la copertura del territorio di competenza delle due Associazioni, con l’utilizzo di infermieri professionali stipendiati dai due enti.

La grande disponibilità dell’Associazione ha meritato il pubblico riconoscimento delle Amministrazioni Comunali di Traversetolo, Montechiarugolo e Neviano Arduini, i cui Sindaci hanno manifestato il loro plauso per quanto la “Croce Azzurra” ha fatto e sta facendo: “Vogliamo ringraziare pubblicamente i militi e assicurare il nostro supporto pieno a chi, mettendo a rischio la propria incolumità, garantisce un servizio ai cittadini, tale per cui nessuno si senta lasciato da solo, anche in questi frangenti“.

I primi cittadini hanno invitato, chi può farlo, a sostenere finanziariamente la “Croce Azzurra”, perché l’emergenza sta avendo costi alti per l’Associazione anche a livello economico.

Questi i codici IBAN dei conti correnti dell’Associazione aperti presso i seguenti Istituti di Credito che i cittadini possono utilizzare per 

AIUTARE ADESSO LA 

CROCE AZZURRA

Questi i comunicati di sostegno e solidarietà delle Amministrazioni Comunali.