Un successo spettacolare

per la grande festa di compleanno della “Croce Azzurra” che si è svolta sabato 31 agosto presso il Lido Valtermina di Traversetolo.

L’evento al quale erano invitati, oltre ai Volontari con i loro familiari, i cittadini dei Comuni che afferiscono ai servizi della “Croce Azzurra”, ha visto in apertura la gradita presenza di Willer Collura, recente vincitore di “La sai l’ultima? Digital Edition“, che dell’Associazione traversetolese è stato volontario e consigliere per diversi anni. E’ stata una rimpatriata per incontrare vecchi amici e ricevere calorosi applausi per un meritato successo, tra una barzelletta e un aneddoto sugli anni vissuti tra le fila dei Volontari.

Gli onori di casa sono stati fatti dalla Volontaria Claudia Chierici, apprezzata e professionale presentatrice, che con empatia e maestria ha condotto la serata.

Dopo la brillante performance della cantautrice americana Jackie Perkins e Jaime Dolce Blues Band che hanno proposto, tra l’altro, brani che appartengono alla storia del festival rock per antonomasia: Woodstock, del quale ricorre proprio quest’anno il cinquantesimo, come pure pezzi dedicati alla luna e allo sbarco dell’uomo sul nostro satellite, è seguito l’intervento ufficiale del Presidente Alex Uccelli che, con parole colme di riconoscenza, ha posto in rilievo il ruolo dei Volontari nella vita dell’Associazione.

Da quelli di ieri che hanno contribuito a fare la storia dell’Associazione, a quelli di oggi che mantengono viva una realtà dinamica che guarda al futuro con la determinazione di continuare a scrivere pagine di vera solidarietà, potendo contare sulla generosa disponibilità degli oltre 300 Volontari.

La Claudia ha poi dato la parola a Erik Bedeschi, Marketing & Communication Manager dell’Elettric’80 che ha presentato, con l’ausilio di efficaci e coinvolgenti viedoclip, l’azienda che ha sostenuto in diverse occasioni e modi la “Croce Azzurra”.

Il traversetolese Vittorio Cavirani, General Manager dell’Elettric’80, nel suo intervento ha evidenziato l’importanza per il territorio di poter disporre di un servizio qualificato come quello della “Croce Azzurra”; un’esigenza sentita cinquant’anni fa che trovò nella generosità di benefattori e cittadini solidali una risposta concreta. Allora poteva sembrare un sogno, ma divenne una realtà.

Cavirani ha concluso il suo intervento augurando all’ l’Associazione a fare proprio il motto di Elettric’80 “Tutto si può fermare tranne la forza di un sogno” perché il futuro appartiene a chi crede in quello che fa, puntando sui giovani.

E’ salito poi sul palco Paolo Cevoli che ha intrattenuto il numeroso pubblico con un piacevolissimo e applaudito spettacolo.

La serata si è poi conclusa con un festoso momento conviviale.

Biografia di Jackie Perkins


Con una madre pianista, il padre suonatore di trombone, la sorella raffinata violinista, Jackie Perkins (Sparta, South Carolina, 1963) nasce sotto il segno della musica. Già a nove anni inizia a suonare il piano, a undici la chitarra, l’anno dopo la viola. A diciott’anni s’iscrive all’università e inizia a cantare, fino alla doppia laurea in lingue e canto. Una borsa di studio della Rotary Foundation la porta in Italia: prima a Siena, poi a Roma dove studia lirica, poi a Perugia, e infine a Parma, dove vive dal 1995. Nella città emiliana trova un piccolo appartamento vicino al Conservatorio “Boito”, riprende in mano la chitarra e inizia a scrivere. L’anno dopo arrivano i primi concerti, lei, una chitarra, l’iniziale timidezza e le prime ballate folk ispirate a Joni Mitchell. Registra “Go Forth Living Arrows”, che uscirà solo nel 2000.

Presto allarga i suoi orizzonti musicali: si appassiona al jazz, si mette alla prova nella classica, si lascia tentare dalla disco e dalla pop-dance. Dal ’97 ad oggi collabora alla realizzazione di più di venti dischi tra single, compilation e raccolte.

Continua a tenere concerti un po’ in tutta Italia, da sola e in gruppo. Nel ’98 completa il suo primo album, “The Other Side of French Radio”, ancora inedito. Del ’99 sono invece le sonorità jazz di “I am at the village” composto da Elio Baldicantù.

Negli anni seguenti partecipa, come voce e chitarra acustica, a tre tour con il chitarrista Paolo Giordano (alle spalle collaborazioni con Lucio Dalla e Biagio Antonacci) e il bassista di fama internazionale Michael Manring. Con loro lavora all’album “Kid in a Toyshop”, uscito nel 2000 per la casa discografica indipendente Step Musique.

Successivamente continua l’attività live in Italia, con apparizioni anche negli USA, con una continua crescita di successo e stima nel circuito della nuova musica acustica, raffinando sia la composizione sia le performance dal vivo, dove il suo stile chitarristico particolare, pieno di accordature aperte e di ritmiche originali, si combina armonicamente con una voce splendida e di ampia estensione.

Partecipa nel 2007 al progetto “Have You Seen the Roses”, terzo lavoro discografico di Paolo Giordano, che arrangia in modo particolare ed accattivante alcune canzoni di Syd Barrett, compianto genio fondatore dei Pink Floyd. Jackie presta la sua voce alle registrazioni e lo fa in modo straordinario, partecipando al successo delle presentazioni del CD.

Nel 2008 lavora intensamente alla registrazione del suo CD “The Still Awakening”, che esce nel Marzo del 2009, dove le sue canzoni denotano una maturità artistica ormai raggiunta. All’album partecipano, oltre al sempre più straordinario Michael Manring al basso, alcuni altri musicisti internazionali come i fratelli Gabin e Paul Dabirè, africani del Burkina Faso, Adriano Molinari (Zucchero) alla batteria e Alex Acuña (Weather Report) alle percussioni dando vita ad un progetto multi-etnico.

Effettua un tour in Italia nella primavera del 2009 con la formazione “Exotique Band”, con la partecipazione di Manring, i fratelli Dabiré e Massimo Varini alla chitarra acustica e elettrica. Nel 2011 dà la voce all’album “Christmas Paradise Brazilian Love Affair” con brani arrangiati da Elio Baldicantù. Nel 2012 è la prima cantautrice americana a partecipare al IFSGF a Shanghai, Cina, invitata dalla Naga Guitars di Huang Chia-Wei, e apre il concerto per Tommy Emmanuel nello Shanghai Oriental Art Centre. Dal 2013 continua a comporre brani originali accompagnandosi alla chitarra acustica, pianoforte e ukulele e a prestare la voce per vari progetti, con la promessa della realizzazione imminente del suo secondo progetto personale. Nel febbraio del 2014 condivide il palco con Alessandro Finazzo (Finaz) della Bandabardò in tour con Michael Manring.

Dal 1999 al 2014 partecipa al prestigioso festival della chitarra acustica “Acoustic Guitar Meeting” a Sarzana, come richiesta ed amata performer, ma anche come presentatrice dei concerti serali e traduttrice nei seminari e workshop. Partecipa da protagonista alla prima edizione del Acoustic Guitar Village a Cremona Mondomusica nel settembre 2014.

Nella primavera del 2015 va in tour in varie città italiane con l’amato collaboratore Michael Manring e con il chitarrista inglese Clive Carroll.

Canta in un trio jazz con Elio e Tommaso Baldicantù (pianoforte, contrabbasso) nel progetto”Songs for Freedom” che presentano in due concerti, nel settembre del 2014 e nel marzo del 2015, con canzoni sul tema della libertà, arrangiati da Baldicantù.

Produce un video con Paolo Schianchi nel giugno del 2016 nel suo “Omniamusica Recording Studio”. Nel mese di ottobre 2016 partecipa al tour di presentazione del disco “Moonbeam Parade” della cantautrice Italo-Americana Giulia Millanta aprendo i concerti e cantando armonie sui suoi brani, in sette tappe nei Paesi Bassi, Lussemburgo, Germania e Belgio.

Nel 2017 ha iniziato a esibirsi in una serie di concerti-tributo a Joni Mitchell in occasione del 50 ° anniversario dall’uscita del primo album di Mitchell, accompagnato dal sassofonista Max Trapani mentre continua i preparativi per l’uscita del suo prossimo EP.